Lo studio è una delle trentaquattro torri che ancora oggi sono in Costiera Amalfitana. Di forma conica su pianta circolare è coronata da "caditoie" di cui oggi restano soltanto due. La struttura è in pietra calcarea locale e lo spessore dei muri è alla base di circa tre metri e in alto di circa due. Internamente è composta da due vani sovrastanti con volta a cupola. Alla base è collocata una cisterna, mentre per accedere al terrazzo superiore c'è una scala ricavata nello spessore del muro. Da alcuni storici viene identificata come "Torre Assiola" o "Sciola" del 1278, da altri come "Torre a mare" del 1558. Negli anni cinquanta subi' alcune trasformazioni: nel vano terra fu allargata una piccola finestra di guardia che si affaccia sul mare, fu inoltre realizzata un'elegante scala a chiocciola in legno per accedere al piano superiore, dove fu ricavato un piccolo bagno. All'esterno per rendere l'accesso piu' agevole fu costruito uno scivolo e un terrazzo quadrato antistante la porta d'ingresso. Da circa vent'anni la torre è lo studio dell'artista Paolo Sandulli.